Category: workshop

Seminario di doppiaggio cinematografico con Stefano Cutaia – 14 e 15 giugno

By , May 12, 2014 11:04 am

eUROPA tEATRI

Seminari 13 | 14

WORKSHOP INTENSIVO DI DOPPIAGGIO CINEMATOGRAFICO

“Le basi del doppiaggio tra arte e professione”

con Stefano Cutaia – Novartescenica


sabato 14 e domenica 15 giugno

dalle ore 9.30 alle ore 13.30 e dalle ore 15.00 alle ore 19.00

presso il Teatro Europa – via Oradour, 14 – 43123 Parma

costo € 160,00

Il Teatro Europa ospiterà sabato 14 e domenica 15 giugno il workshop intensivo di doppiaggio cinematografico Le basi del doppiaggio tra arte e professione, condotto da Stefano Cutaia di NovArteScenica.

Il doppiaggio cinematografico si è sviluppato in Italia come in nessun altro paese al mondo, ma siamo sicuri di sapere cosa si tratta?
È un lavoro raffinato misto di tecnica e interpretazione emotiva che richiede, in realtà, poche nozioni di base, ma molti anni di pratica e di perfezionamento ed è affrontabile da chiunque abbia il desiderio e l’attitudine a recitare con il solo uso della voce.

Questo seminario intensivo di due giorni offre la possibilità di conoscere gli elementi base e di aprire la pista allo studio di questa importantissima disciplina cinematografica.

Una breve introduzione teorica, accenni alla storia del doppiaggio e alla contrattazione nazionale del lavoratore del doppiaggio e poi ore e ore di pratica a leggìo.

Il workshop è aperto a tutti, senza limitazione di età o di handicap fisici (purché non intacchino l’uso della voce) e non è necessaria alcuna preparazione, ma è consigliata una attitudine alle arti interpretative.

Stefano Cutaia è attore, formatore teatrale e regista parmigiano. Nel 2006 partecipa ad un corso di Doppiaggio su tre livelli diretto dal grande Mario Maldesi (direttore del doppiaggio di film da Fellini a Truffault, Polanski, Kubrik, Brooks e Stone, dialoghista, attore e doppiatore), con il quale continua a collaborare fino al 2012, anno della sua dipartita. Nel 2011 apre e gestisce NovArteScenica a Bologna, al tempo stesso scuola e impresa di Doppiaggio.

Il costo del seminario è di 160 € per 16 ore complessive di lavoro (per entrambe le giornate gli orari sono dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 15.00 alle 19.00), per informazioni e iscrizioni: eUROPA tEATRI, tel. 0521.243377 – mail europateatri.pr@gmail.com. Le iscrizioni verranno accettate in ordine di arrivo, ma mantenendo un equilibrio fra voci maschili e femminili.

Stage di Living Theatre con Cathy Marchand – dal 26 al 28 aprile

By , April 17, 2014 11:17 am

Fuck The Legend

Stage di LIVING THEATRE diretto da Cathy Marchand



SABATO 26, DOMENICA 27 E LUNEDì 28 APRILE

Sabato 26 e domenica 27 h. 11-17; lunedì 28 19-23
presso eUROPA tEATRI

è prevista Performance finale
Scadenza iscrizioni: 23 aprile 2014
Numero massimo partecipanti 20, minimo 10
COSTO 150 euro

Dall’idea di Kollettivoteatro di portare uno Stage del Living Theatre a Parma, dopo quasi vent’anni di assenza (l’ultimo passaggio del gruppo è stato nel ’96 al Teatro delle Briciole con lo spettacolo Mysteries e uno stage a cui parteciparono più di 40 persone). Il Living Theatre fin dagli anni ‘60 è stato molto legato al territorio di Reggio Emilia e Parma dove si sono create vere e proprie “Residenze” di mesi per la creazione di progetti: oggi, nel 2014, questi tre giorni di Stage vogliono essere sì una memoria, ma sopratutto un nuovo seme di creatività basato sullo scambio e sul ruolo fondamentale che ha il teatro come forma “Vivente e Collettiva” non per sfidarsi ma per tornare a “Fidarsi” e condividere un’esperienza fatta di individualità formando un corpo unico dell’attore. Lo stage è aperto a tutti coloro che hanno ancora il desiderio di sperimentare e ricercare attraverso il teatro nuove forme di comunicazione.

PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI

eUROPA tEATRI
via Oradour, 14
43123 Parma
Telefono 0521 243377
E-mail europateatri.pr@gmail.com
Sito Web http://www.europateatri.it/

o

Stefania Maceri
E-mail stefania.maceri@gmail.com
Telefono 340.5234232

Laboratorio con Chiara Guidi: venerdì 31/01 e sabato 01/02

By , January 20, 2014 7:07 pm

IL MOVIMENTO DELLA VOCE

IN UNA FORESTA DI IMMAGINI INVISIBILI

laboratorio con Chiara Guidi

Socìetas Raffaello Sanzio


venerdì 31 gennaio dalle 19.00 alle 22.00

sabato 1° febbraio dalle 09.30 alle 12.30 e dalle 13.30 alle 16.00

presso il Teatro Europa, in via Oradour, 14 – 43123 Parma

costo: € 60,00

numero massimo di partecipanti: 20

per informazioni e iscrizioni:

eUROPA tEATRI

tel. 0521.243377

mail: europateatri.pr@gmail.com

Da alcuni anni sto mettendo a punto una tecnica detta Tecnica molecolare della voce, che indaga sulla relazione tra il suono della voce e quello delle parole che vengono pronunciate.

L’attore con la sua voce è chiamato a fabbricare le parole e a metterle in risonanza con quanto lo circonda, affinché lo stesso spazio circostante possa rispondere alla voce e cantare.

Perché questo avvenga la tecnica molecolare traccia sulle parole una partitura fatta di segni che rimandano a immagini vive che solo l’attore vede e sulle quali le parole si mettono in cammino.

Queste immagini invisibili diventano le note di un pentagramma che la voce legge per chi desidera ascoltare.

Il laboratorio, che si svolgerà venerdì 31 gennaio e sabato 1 febbraio, attraverso esercizi, ascolti guidati e immagini cercherà di provare l’orientamento della tecnica che sto raffinando.

Chiara Guidi

Workshop “Sospensioni”: danza verticale e acrobatica – sabato 7 e domenica 8 settembre

By , June 24, 2013 11:36 am

SOSPENSIONI

Materie del verticale

danza&acrobatica

workshop con Marco Mannucci – Mattatoio Sospeso

Teatro Europa – via Oradour, 14 – 43123 Parma

sabato 7 e domenica 8 settembre 2013

per un totale di 12 ore di lavoro

Europa Teatri ospiterà sabato 7 e domenica 8 settembre il workshop di danza verticale e acrobatica Sospensioni, condotto da Marco Mannucci della compagnia Mattatoio Sospeso.

Sospensione è la condizione di ciò che è sollevato da terra, interruzione del contatto con il suolo, con la materialità del terreno per staccarsi verso l’aria, verso l’alto. È la condizione degli uccelli, degli angeli, degli aquiloni, del sogno.

La danza verticale permette di lavorare sulla sospensione, cioè su dei “sospesi” che sono di fatto dei momenti di volo. Lo studio si concentrerà su questi momenti, su come organizzare il corpo in aria e arrivare alla creazione di forme acrobatiche sospese.

Con ausilio di tecniche elementari di arrampicata sportiva si sperimenteranno nuove possibilità di movimento lavorando con corda e imbrago su parete.

Il lavoro attraversa varie tematiche: introduzione generale teorica/pratica relativa alla conoscenza tecnica dei materiali in uso (imbrago, corda e i sistemi di risalita e discesa), training di preparazione specifico a terra, lo studio degli equilibri e del peso su piano verticale, lo spazio verticale e il pubblico, creazione individuale e collettiva.

Mattatoio Sospeso è una compagnia volante fondata da Marco Mannucci nel 2006 che, di volta in volta, si avvale dell’incontro di altri artisti. Arrampicata, acrobazia, teatro di strada, circo e la poetica del non ordinario alcuni dei principali ingredienti. Con echi lontani alle visioni sospese di Chagall, Mattatoio si solleva da terra per volare su case, torri, chiese e castelli. Il sospeso, la sospensione sono il non-luogo dove si annulla la gravità. Questo trasporta il pubblico e l’architettura oggetto di spettacolo in un’altra dimensione. La dimensione onirica dove tutto può accadere, non ci sono più regole: si vola, si sogna ad occhi aperti.

Il costo del workshop è di € 100 + € 20 per assicurazione, per tutte le informazioni e per le iscrizioni contattare eUROPA tEATRI allo 0521.243377 o via mail: europateatri.pr@gmail.com

Workshop “Autonomia creativa” con Chiara Rubes – sabato 29 e domenica 30 giugno

By , June 17, 2013 1:50 pm

eUROPA tEATRI

Autonomia creativa

workshop per svegliare l’istinto emotivo

e la tecnica della comunicazione teatrale

condotto da Chiara Rubes

Teatro Europa – via Oradour, 14 Parma

sabato 29 e domenica 30 giugno dalle 10.00 alle 18.00

Europa Teatri propone, prima della pausa estiva, un ultimo appuntamento legato alla didattica: il workshop Autonomia creativa, dedicato a svegliare l’istinto emotivo e la tecnica della comunicazione teatrale, che si terrà al Teatro Europa sabato 29 e domenica 30 giugno.

Chiara Rubes, che condurrà il workshop, dice: “Dove si trova la forza creativa? Chiamatela come volete: ispirazione, idea, guizzo, urgenza e quanto altro, di sicuro si nutre di scuola, letture, conoscenza, vissuto, ma di certo per andarla a cercare e trovarla vera dobbiamo camminare nell’istinto. Tutti sappiamo cosa è, tutti l’abbiamo, ma non di continuo lo abitiamo.

Il workshop si propone di trovare modi per svegliare questa parte di noi e dirigerla per comunicare storie. Che siano teatrali, racconti verbali, immagini, suoni, movimenti, con l’obiettivo di procurarci una autonomia creativa dal sapore spontaneo e sapiente nello stesso tempo”.

Ai partecipanti è richiesto di portare con sé: una storia di 30 righe scritta da loro e il racconto dell’impresa di un proprio avo, alcuni materiali, fra cui un vestito che indossino per sentirsi bellissimi e comodi come in una seconda pelle, una parrucca che sia diversissima dalla loro personalità, un talismano… ma soprattutto tanta voglia di improvvisare e la curiosità e la pazienza per porsi tante domande e cercare insieme le risposte.

Chiara Rubes si forma alla scuola di specializzazione europea di teatro presso l’Atelier Costa Ovest, con Massimo Navone, Paolo Pierazzini, Enrico Bonavera; successivamente compie studi con Maria Consagra, Pippo Del Bono, Gabriella Bartolomei, Cesare Ronconi, Monica Francia, Katlin Cobb, Roberto Castello. Lavora come attrice in spettacoli con la regia di Dario Marconcini, Pippo Del Bono, Gigi Tapella. Socia fondatrice di Europa Teatri, lavora come attrice e regista e formatrice in numerosi spettacoli e laboratori per adulti e per bambini. Ultimi lavori: Senza Tacchi, I viaggi delle bambine, Odissea.

Il costo del workshop è di 80 € per 16 ore di lavoro divise fra le due giornate, per tutte le informazioni e per le iscrizioni è possibile contattare eUROPA tEATRI allo 0521.243377 o via mail: info@europateatri.it.

Stage di Danza Contact Improvisation con Riccardo Meneghini

By , May 6, 2013 4:04 pm

eUROPA tEATRI
Seminari 2012 -
20 13

Stage di danza contact improvisation con Riccardo Meneghini

rivolto ad attori e danzatori

presso Teatro Europa
sabato 18 e domenica 19 maggio dalle 10:00 alle 13:00
numero massimo partecipanti: 18
- costo € 70
info e iscrizioni: eUROPA tEATRI via Oradour, 14

tel e fax: 0521.243377
mail info@europateatri.it

Danzare con un altro corpo apre un territorio fatto di sorprese e imprevisti, invita a confrontarsi con i limiti e le abitudini percettive, fa capire che, per utilizzare tutte le possibilità del corpo, pensiero e azione devono procedere insieme. Nella Contact Improvisation attraverso il piacere di danzare in un modo spontaneo, avviene uno scambio tra le persone, stimolando l’apertura ad un processo di apprendimento e di osservazione di se stessi in ciò che sta accadendo qui ed ora, imparando a conoscere i propri modi di muoversi e cercandone di nuovi. Nonostante l’apparente libertà di movimento, la Contact forma ad una grande preparazione tecnica, in cui il concetto stesso di tecnica viene rivoluzionato: non più gesti puramente estetici, il corpo riceve un’informazione qualificata attraverso cui si educa al peso, allo spazio, al tempo e si acquisisce una consapevolezza personale, si cerca di essere sempre presenti nel momento e di permettere un fluire continuo di energie. Caratteristica fondamentale della Contact Improvisation è l’improvvisazione, cioè la possibilità di muoversi creativamente all’interno di regole condivise, sia predefinite sia elaborate nell’arco del processo. La Contact Improvisation è una forma di danza dove il contatto con un’altra persona è l’inizio dell’esplorazione del movimento. Il focus essenziale è la coscienza del proprio corpo, la connessione con il corpo del partner, il flusso del movimento (flow) e lo spazio.

Riccardo Meneghini, diplomato I.S.E.F. (Verona) nel 2002, si forma in diverse scuole di danza private e nel 2001 frequenta l’ “Accademia Isola Danza della Biennale di Venezia” sotto la direzione artistica di Carolyn Carlson. Riccardo entra a far parte di “Transitions” al Laban Centre di Londra nell`anno 2001/2002, conseguendo il diploma in Performance con merito; attualmente e` coinvolto in progetti in UK, Francia e Italia. Ha lavorato con coreografi come : Carolyn Carlson, Russell Maliphant, Rui Horta, Didi Veldman, Janet Smith, Liv Lorent, Malou Airaudo e con compagnie come lo Scottish Dance Theatre, DV8 Physical Theatre, Opera North, CCN Robuaix, Balletto Teatro Torino. Allo stesso tempo sviluppa una propria visione del movimento, inserendola nelle proprie coreografie, e lavora come libero professionista, performer ed insegnante. Diversi suoi lavori sono stati finanziati nel corso degli anni da Arts Council England e recentemente anche dalla Provincia Autonoma di Trento (HERO). Le sue creazioni contengono spesso musiche inedite: nello specifico Riccardo ha infatti collaborato regolarmente con compositori Demetris Zavros e Jered Daniel Sorkin.

Seminario con Danio Manfredini: 19 – 23 giugno 2013

By , April 5, 2013 11:57 am

eUROPA tEATRI è felice di poter offrire una nuova occasione di incontro con Danio Manfredini e con la sua didattica:


SEMINARIO CON DANIO MANFREDINI
presso Teatro Europa – via Oradour, 14 – 43123 Parma
da mercoledì 19 a domenica 23 giugno 2013

ogni giorno dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 19:00

Un laboratorio a partire da Danio Manfredini e dalla sua personale esperienza artistica che si basa sulla ricerca delle possibilità espressive dell’attore, figura che egli concepisce come creatore, come materia viva il cui estro nasce da un profondo lavoro su di sé, dalla sua intimità e consapevolezza.
Il corpo come luogo fondamentale di ascolto ed espressione, esplorazione della vocalità, esplorazione della memoria emotiva come aspetti del training preparatorio dell’attore.

Considerazione delle fondamentali convenzioni appartenenti all’arte del teatro e consapevolezza del disegno complessivo che conduce alla recitazione di un’opera teatrale.

Ogni partecipante dovrà portare un pezzo di recitazione preparato su repertorio classico o contemporaneo a scelta.

Per partecipare è necessario inviare un breve curriculum artistico a info@europateatri.it oppure a europateatri.pr@gmail.com entro lunedì 20 maggio 2013.

I partecipanti selezionati verranno informati tempestivamente, la quota di partecipazione – pari a € 250 – dovrà essere saldata entro mercoledì 12 giugno 2013.

Per tutte le informazioni potete rivolgervi agli indirizzi mail sopra indicati oppure allo 0521.243377


Il percorso di formazione di autore-attore di Danio Manfredini risale agli anni ‘70; la sua strada è caratterizzata dal rigore nella ricerca teatrale condotta, fuori da ogni percorso codificato, apparentemente anarchico, ma basato su una ferrea disciplina etica ed espressiva. Punto di riferimento importante per il teatro di Danio Manfredini è la pittura, intesa nel senso più intimo e profondo di visioni interne che caratterizzano fortemente l’incontro tra il pubblico e l’attore, così come la sensazione, che offre possibilità d’azione, di presenza nello spazio. Tra le sue opere teatrali si ricordano La crociata dei bambini dal poema di Bertolt Brecht (1984), Notturno (1985), Miracolo della rosa (1988) con il quale vince il Premio Ubu ‘89, il recital per sax e voce Misty (1989), La vergogna (1990), Tre studi per una crocifissione (1992). Nel ‘97 presenta al Festival di Santarcangelo la prima parte del nuovo lavoro Al presente, che dal 1998 porterà in forma definitiva nei maggiori festival di tutta Italia. Un anno dopo vince il Premio Ubu ‘99. Nel 2000 riprende, rivisto e corretto, lo spettacolo La vergogna a cui cambia anche il titolo in Hic desinit cantus, opera ispirata a Pier Paolo Pasolini e Jean Genet. Nel 2003 debutta al Festival Santarcangelo dei Teatri con Cinema Cielo. Danio Manfredini ha partecipato ai seguenti spettacoli: Il muro, regia di Pippo Delbono (1991); Parsifal, regia di Cesare Ronconi, Teatro Valdoca (1999); Il silenzio, regia di Pippo Delbono (2000); Caino, regia di Cesare Ronconi (2010). Nella stagione 2006/2007 ha presentato una riedizione di Tre Studi per una Crocefissione, mentre il 14 luglio 2007 ha debuttato Il sacro segno dei mostri, con cui Danio Manfredini ci conduce al cuore del suo universo, nell’atelier di pittura condotto per anni in un ricovero per malati psichiatrici. I suoi appunti presi durante i dodici anni di lavoro nei quali Manfredini ha condiviso la quotidianità di queste persone, sono diventati materiale per una toccante e sincera testimonianza. Ne è nato uno spettacolo di grande poesia, uno sguardo sull’umanità non privo di tenerezza e umorismo. Il suo ultimo spettacolo, Il principe Amleto, ha debuttato a Siena a settembre 2012.

Le immagini inserite nel post vengono dalla messa in scena di Il principe Amleto, e sono di Chiara Ferrin e Daniela Neri.

“Lo spazio oltre” – seminario con Gigi Tapella

By , February 13, 2012 12:25 pm

Dopo lo spettacolo “Sentieri di fiaba”, l’impegno di Gigi Tapella al Teatro Europa continuerà con il seminario Lo spazio oltre, che si terrà a partire da venerdì 17 febbraio e si concluderà domenica 19 con La fine del Titanic, esito in scena al Teatro Europa alle ore 21.15.

Il seminario sarà dedicato all’invenzione dell’attore e alla metamorfosi dello spazio e del corpo rispetto al testo: ogni testo teatrale classico o moderno nasconde al suo interno una logica struttura drammatica e una conseguente struttura di gioco costituita da materie differenti: sentimenti, spazi, ritmo, silenzi e sguardi. Il testo è una mappa importante, ricca di regole, sulle quali l’attore rende concreto il suo percorso d’emozioni e sentimenti e sviluppa lo “scontro/incontro” col testo, attraverso il proprio linguaggio espressivo. Una pratica questa che permette di sviluppare la giusta attitudine alla scena, una porta aperta sull’invenzione che coinvolge sia il corpo che lo spazio circostante.

Gli incontri di lavoro saranno caratterizzati da un continuo rapporto tra pratica e teoria e si baseranno sulla messa in scena di un frammento di testo teatrale (tratto da La fine del Titanic del premio Nobel H.M. Enzensberger) con l’intenzione di verificare la forza della scrittura scenica, attraverso esercizi pratici, individuali e collettivi.

Punti cardine del lavoro saranno l’ndividuazione del cuore di un testo, quella parte centrale e indicativa che conserva nella sua anima il punto di partenza del percorso di ricerca, la trasformazione della scrittura letteraria in linguaggio teatrale, e la visione di testo e scena come “spazi della riflessione e del gioco”, contenitori di regole e finzioni che ci indicano una disciplina da rispettare.

Il programma del seminario prevede esercizi sull’utilizzo della voce, sviluppo della concentrazione nel rapporto tra il corpo e l’emozione, ricerca dell’essenzialità e finalità di intenti: chiarezza tra gesto e azione, pratica della drammaturgia del gioco, esercizi fisici e tecniche nella costruzione del personaggio, analisi del testo, esercizi teatrali per l’approfondimento del significato della parola e del testo, studio dei materiali e della necessità della scena, e infine composizione e rappresentazione di un frammento di testo.

La durata complessiva del seminario è di 20 ore (qui gli orari precisi degli incontri), cui si aggiunge l’esito aperto al pubblico della serata di domenica 19, il costo è di 160 €, per informazioni ed iscrizioni: tel. 0521.243377, mail info@europateatri.it.

“Relazione sulla verità retrograda della voce” sabato 21/01 ore 20.00

By , January 16, 2012 1:38 pm

sabato 21 gennaio ore 20.00

Socìetas Raffaello Sanzio

RELAZIONE SULLA VERITÀ

RETROGRADA DELLA VOCE

di e con Chiara Guidi

Un appuntamento speciale attende il pubblico del Teatro Europa sabato 21 gennaio alle ore 20.00: Relazione sulla verità retrograda della voce, di e con Chiara Guidi fondatrice con Romeo e Claudia Castellucci della Socìetas Raffaello Sanzio, la compagnia di teatro sperimentale italiana che  con le sue creazioni e la sua poetica ha rivoluzionato il modo di fare e vedere il teatro contemporaneo, sia in Italia che all’estero
Relazione sulla verità retrograda della voce è una conferenza/laboratorio, una preziosa occasione di formazione e di confronto con un maestro che l’associazione eUROPA tEATRI è fiera di poter offrire al pubblico del territorio. La serata ha in parte le caratteristiche di un laboratorio, in parte una struttura drammaturgica vicina a uno spettacolo: un monologo che va all’origine della personale ricerca vocale e attoriale di Chiara Guidi.
Ecco nelle parole dell’autrice che cosa avverrà durante la conferenza/laboratorio: Sto raffinando una tecnica vocale basata sull’imitazione di tutto quello che è possibile udire con orecchio umano‚ senza distinzioni. La vastità enciclopedica di tutti i fenomeni sonori della terra la percepisco e la tratto come un insieme di note e di intervalli di una sinfonia che quotidianamente mi sforzo di ascoltare‚ imitare e trascrivere su una personale partitura musicale‚ con notazioni di nuovo conio‚ utili a fare ordine nella memoria e a essere riprodotte.
La tecnica l’ho chiamata “molecolare”‚ perché soltanto un approccio microscopico consente di delimitare il profilo sonoro degli elementi presi in esame. La piallatura culturale ed emotiva operata su tutte le inflessioni e i significati della voce umana‚ colloca quest’ultima accanto a tutte le frequenze del suono. Tutte le emissioni sonore dell’universo‚ attive o passive‚ si trovano così sullo stesso piano‚ come materie grezze da osservare freddamente. Il vocabolario si arricchisce di nuove parole e la scala melodica oratoria riproduce voci tratte dalle più piccole particelle sonore della terra. Qui ha inizio il cammino a ritroso verso la verità della voce umana‚ e verso la potenza classica della parola. Nell’arco di tre ore‚ leggerò un racconto sulla pratica vocale di tipo molecolare; mostrerò le connessioni di tipo sinfonico con alcuni brani musicali; infine proporrò esercizi collettivi per chi voglia provare immediatamente l’orientamento della tecnica che sto raffinando
.
Chiara Guidi ha da sempre sviluppato una personale ricerca sulla voce come chiave drammaturgica nel dischiudere suono e senso di un testo, ma anche come corpo, azione, disegno, nell’ascolto della sua grana ma anche nella costruzione, attraverso essa, di un tempo e di uno spazio, rivolgendo la propria tecnica vocale sia a produzioni per un pubblico adulto, sia elaborando una specifica concezione di teatro per l’infanzia. Ha composto, in collaborazione con il musicista statunitense Scott Gibbons, l’opera di teatro musicale il Madrigale appena narrabile, 2007; la performance vocale Augustinian Melody, 2007; Flatlandia, 2008, una lettura drammatica da lei stessa interpretata; Ingiuria, una serie di canti imprecatori in collaborazione con i musicisti Blixa Bargeld, Alexander Balanescu e Teho Teardo, e L’ultima volta che vidi mio padre, 2009, dramma musicale con immagini animate. Insieme a Enrico Casagrande/Motus e Ermanna Montanari/Teatro delle Albe è inoltre direttrice artistica dell’Associazione Santarcangelo dei Teatri nel progetto Santarcangelo 2009-2011.
Assumendo la musica come paradigma, come ottica attraverso la quale rivedere il reale e il suo doppio nel luogo dello sguardo, a partire dal 2008 dirige Màntica. Esercizi di voce umana, un programma di teatro e musica al Teatro Comandini di Cesena. Recentemente Chiara Guidi ha condotto il workshop per artisti e bambini dal titolo L’arte del gioco nel recinto del testo fiabesco presso il Campbelltown Arts Center, in Australia. Per il pubblico infantile ha prodotto lo spettacolo Buchettino (1995), tratto “Le Petit Poucet” di Charles Perrault, che ha percorso il mondo e incontrato bambini di tutti i continenti, e nel 2010 Bestione; nel 2011 inaugura Puerilia, festival di puericultura teatrale che si svolge ancora una volta al Teatro Comandini di Cesena.
Ingresso unico con prenotazione obbligatoria: € 12. Per informazioni e prenotazioni tel. 0521.243377, mail info@europateatri.it.

Laboratori e workshop per la stagione estiva 2011

By , May 30, 2011 8:47 am

RATATOUILLE
stagione estiva 2011
di eUROPA tEATRI e Ratafià TeatroBar


Ecco le proposte di laboratori per la stagione estiva 2011, che si terranno negli spazi del Teatro Europa.
Potete richiedere il modulo di iscrizione per ciascuno dei tre, presso l’ufficio del Teatro Europa (via Oradour, 14 – Parma), via mail a info@europateatri.it, oppure allo 0521.243377.

CORPO UNICO

laboratorio di teatrodanza condotto da Davide Rocchi
quando: da martedì 7 giugno, e a seguire ogni mercoledì alle ore 20.00, per un totale di 5 incontri della durata di 2 ore ciascuno
esito/performance: giovedì 7 luglio ore 21.30
costo: 80 €

Il corpo va inteso come tramite di espressione: ogni gesto, anche il più piccolo, comunica cose molteplici; e ognuno di noi ha intrinseco un modo proprio di comunicare e di come essere ricettivo… questo laboratorio vuole essere un primo incontro per arricchire la propria dialettica corporea, rivolto a persone, artisti, attori, musicisti, pittori… il laboratorio estivo 2011 si concentrerà sullo studio dell’elemento acqua.

STAGE DI BURLESQUE
condotto da Piera Cipriani

quando: da giovedì 16 giugno, ogni giovedì alle 20.00
, per un totale di 5 incontri della durata di 2 ore ciascuno
costo: 200 €

Piera Cipriani, in arte Betty Rose, conquista in tenera età una borsa di studio presso lʼA.I.D. dove si qualifica come ballerina professionista approfondendo vari stili di danza. Partendo da una solida base di danza classica e jazz, stile Alvin Ailey, si distingue per la sua versatilità tecnica alle contaminazioni di stili. Dopo un percorso artistico che va dallʼoperetta alla commedia musicale e allʼOpera, cui affianca l’attività costante di coreografa, si riconoscono le sue spiccate caratteristiche che la portano nel mondo Burlesque, seguendo rigorosamente le più prestigiose insegnanti della London Academy of Burlesque e della Coquineries École Paris, creando il brillante personaggio “Betty Rose”.

La contemporaneità di più azioni
workshop di danza condotto da Daniele Albanese
quando: sabato 18 e domenica 19 giugno dalle 14.00 alle 18.00
costo: 80 €

Per agevolare la continuità delle occasioni di studio in questo particolare periodo di crisi economica, la quota di partecipazione è di 70 € per chi ha già partecipato in passato ai workshop che Daniele Albanese ha condotto presso il Teatro Europa.

Il workshop è rivolto ad attori e danzatori con esperienza di lavoro fisico.
Il lavoro fisico non seguirà nessun allenamento standard ma procederà con la realizzazione di compiti semplici: l’obbiettivo è di far emergere un’intelligenza fisica nelle azioni e di non basare ogni movimento su un controllo predeterminato. Molte azioni assegnate saranno a strati e prevederanno la realizzazione di più compiti allo stesso tempo.
Questo workshop vuole essere un primo incontro rivolto alla formazione di un gruppo che svolga attività di ricerca e creazione con incontri periodici a partire da Settembre 2011: incontri non solo di tipo laboratoriale ma anche di presentazione e visione da parte di ogni partecipante di propri work in progress con la condivisione/discussione dei singoli processi di creazione all’interno di un gruppo.

_____________________________

per altre informazioni
eUROPA tEATRI
via Oradour, 14
tel e fax: 0521.243377
mail info@europateatri.it

Panorama Theme by Themocracy