“Cinque minuti” venerdì 29 e sabato 30 aprile ore 21.15

By , April 26, 2011 12:10 pm

eUROPA tEATRI

CINQUE MINUTI


esito del laboratorio teatrale di secondo livello

condotto da Loredana Scianna e Davide Rocchi

con
Elisa Abelli Chiara Agostini Monica Arcadu Maria Luisa Cattabiani

Stefano De Stefano Elisa Longeri Carlo Oddi Marcella Ponanti

Marco Scortichini Francesca Vitali Sara Zanotti

e con la partecipazione di Francesca Adorni

Cinque minuti

Cinque minuti

Andrà in scena al Teatro Europa, venerdì 29 e sabato 30 aprile alle ore 21.15, Cinque minuti, esito del laboratorio di II livello condotto da Loredana Scianna e Davide Rocchi, il cui lavoro quest’anno è partito dalla lettura degli Scritti pornografici di Boris Vian.

L’opera di Vian raccoglie cinque poesie di vena goliardica, un racconto, e il testo della conferenza Necessità di una letteratura erotica che Boris Vian tenne alla Sorbona il 14 giugno 1948. Dalle numerose suggestioni presenti negli Scritti pornografici è scaturito un lavoro di ricerca ampio e sfaccettato, carico di domande che gli allievi del laboratorio hanno poi tradotto in forma teatrale: come sostiene la regista di film pornografici female-oriented Erika Lust nel suo Manifesto per una buona pornografia “Che ci piaccia o no, viviamo in un modo saturato dalla pornografia”: che cos’è dunque la pornografia? Quali sono i suoi stilemi? Che differenza possiamo ricavare tra pornografia e erotismo? C’è una modalità maschile e una femminile nella produzione e nella fruizione di prodotti pornografici? E ancora: cosa possiamo classificare come “pornografico” nell’humus sociale in cui siamo immersi?

Né apologia né condanna, lo spettacolo è composto da dieci quadri intorno all’argomento della pornografia. Sulla forma che lo spettacolo ha assunto spiega Loredana Scianna: “Gli psicologi Eric Corty e Jenay Guardiani della Penn State University hanno affermato che dobbiamo superare gli stereotipi imposti dalla pornografia e dalla cultura popolare, che generano aspettative irrealistiche e quindi insoddisfazione: la risposta scientifica al dilemma “quanto deve durare un rapporto sessuale soddisfacente” è stata pubblicata sul Jurnal of Sexual Medicine, che ha determinato tra 7 e 13 minuti la durata dell’amplesso ideale. La durata media dell’amplesso per gli europei è tra i 7 e i 9 minuti. Se questo è quanto avviene in un rapporto regolato da amorosi intenti, una situazione mercenaria ha certamente una fruizione più veloce. Il consumo accorcia i tempi fino ai cinque minuti dichiarati nel nostro titolo”.

In scena: Elisa Abelli, Chiara Agostini, Monica Arcadu, Maria Luisa Cattabiani, Stefano De Stefano, Elisa Longeri, Carlo Oddi, Marcella Ponanti, Marco Scortichini, Francesca Vitali e Sara Zanotti.

Attenzione: per la presenza di alcune immagini, testi e video dall’esplicito contenuto sessuale, lo spettacolo è riservato ad un pubblico adulto. Ingresso unico 5 €, per informazioni e prenotazioni: Teatro Europa tel. 0521.243377, mail info@europateatri.it.


“The Noisers” giovedì 21 aprile ore 21.15

By , April 19, 2011 10:05 am

eUROPA tEATRI

THE NOISERS

(I RUMOROSI)

concerto per un paesaggio immaginario

esito del laboratorio di II livello condotto da Patrizia Mattioli

musiche di

Patrizia Mattioli

con

Anna Campanini Stefano Cattani Alice Chiastra

Elke Fernandez Elisa Longeri

iching

iching

Andrà in scena al Teatro Europa giovedì 21 aprile alle ore 21.15 The Noisers (I rumorosi) – concerto per un paesaggio immaginario, esito del laboratorio di II livello condotto da Patrizia Mattioli incentrato sullo studio della figura e dell’opera di John Cage.

Cage è stato il compositore sperimentale americano più influente e più discusso del ventesimo secolo, era il padre dell’ indeterminismo, un estetico ispirato dallo Zen che ha espulso tutte le nozioni della scelta dal processo creativo, rifiutando i principi composizionali più profondamente considerati nel passato come la conseguenza logica, la sensibilità verticale e la tonalità. Nel suo percorso l’assidua ricerca di nuove sonorità e di nuovi mezzi espressivi si concretizza bene in lavori quali Imaginary landscape e First construction (in metal) del 1939, dove ogni regola tecnica viene trascurata per lasciare spazio ad un’espressione che trasforma ogni suono casuale in musica e dove la forma e l’interpretazione vengono lasciate alla casualità e alla libertà dell’interprete, tanto che in molte composizioni l’autore si limita solamente a prescrivere all’esecutore diversi comportamenti legati ad altrettanti stati d’animo, senza minimamente preoccuparsi del risultato sonoro.

Cage ha detto: Grazie all musica, la vita acquisterà sempre più senso. Ma perché ciò avvenga bisogna abbandonare la musica. Se noi siamo disposti a lasciare da parte tutto ciò che si definisce “musica “ allora tutta la vita diventerà “musica”.

The Noisers affronta l’etica cageana dedicando alla figura del noto compositore un piccolo studio concerto; il processo creativo e compositivo dell’esito è basato sull’improvvisazione e sulle esplorazioni delle varie possibilità, teatralizzazione della musica su nastro, field recordings, I-Ching, casualità, mantra, rumori, spot. Il Mantra è una potente e breve formula sonora spirituale che si sviluppa nel nostro paesaggio immaginario in un continuum sonoro fatto di flussi elettronici, rumorosi, ariosi, timbrici.

In scena, accompagnati dalle musiche originali di Patrizia Mattioli, Anna Campanini, Stefano Cattani, Alice Chiastra, Elke Fernandez ed Elisa Longeri.

Ingresso unico 5 €, per informazioni e prenotazioni: Teatro Europa tel. 0521.243377, mail info@europateatri.it.


“L’Absolution” venerdì 15 e sabato 16 ore 21.15

By , April 14, 2011 11:28 am

eUROPA tEATRI

L’ABSOLUTION


esito del laboratorio di II livello

condotto da Ilaria Gerbella e Lucia Manghi


con

Valentina Cucci Patrizia Dall’Argine Cristiano Fornasari

Francesca Ghitti Mariachiara Laghi Elisa Longeri

Maria Teresa Lonetti Fabio Martelli Ilenia Moreni

Sabrina Moretti Federico Murero Arianna Patti

Boris Pesci Enrica Pizzarotti Fabio Romito

Patrizia Tiberti Cosimo Urso Valentina Zambonini

LAbsolution

L'Absolution

Venerdì 15 e sabato 16 aprile alle ore 21.15 al Teatro Europa andrà in scena “L’Absolution”, spettacolo esito del laboratorio di II livello condotto da Ilaria Gerbella e Lucia Manghi, adattamento della controversa piêce “Il Balcone” di Jean Genet.

Sono cose che devono restare e restano segrete, così recita uno dei personaggi de Il Balcone: è dentro al Bordello che ogni gesto, ogni parola, ogni rito è sempre sottoposto alla regola della segretezza, nella certezza che ogni contatto con l’esterno possa rompere i fragilissimi equilibri tra i personaggi che lo abitano.

Irma la padrona del bordello, la padrona del gioco predestinata a diventare regina a incarnare il potere e l’ordine. Il Capo della Polizia ossessionato dal potere e dal rendere la sua immagine immortale. Chantal la prostituta fuggita dal bordello di Irma, dal gioco, per amore di Ruggero, per l’amore della rivoluzione, e che al di fuori di questo luogo compirà il suo destino incarnandosi in simbolo della rivoluzione, e per questo morirà.Carmen intrappolata più di tutte le altre prostitute al gioco, perché legata a Irma da un rapporto conflittuale di attrazione e repulsione, lo stesso rapporto che la lega al bordello.
I clienti di questa casa di illusioni incarnano le figure più potenti del potere costituito: il Vescovo, il Generale, il Giudice: accompagnati nel loro delirio di potenza dalle prostitute e dalla figura di Arturo, il carnefice innamorato della sua Padrona Irma; insieme assecondano i desideri dei loro clienti, i quali espletano proprio dentro al bordello le loro funzioni, diventando simboli immortali; è in questo che si vuole consacrare il Capo della Polizia, trasformandosi in simulacro, in fantoccio riconosciuto dalla società.

E da un estero non ben precisato irrompe l’Inviato, il deus ex machina di questo mondo alterato che porta i personaggi a compiere il proprio destino.

E poi i fotografi, figure contemporanee che scrutano e riproducono come un gioco di specchi il destino dei personaggi, e infine un personaggio che non appartiene al modo di Genet, ma che è sempre presente, costantemente assorto in ciò che accade in scena: l’Oracolo, che come tutti gli oracoli è fonte dispensatrice di profezie e consigli.

È sottilissima la linea di demarcazione tra potere e follia, nell’incertezza se sia il potere che rende folli o sia la follia che porta al potere.

Ingresso unico 5 €, per informazioni e prenotazioni: tel. 0521.243377, mail info@europateatri.it.

eUROPA tEATRI

L’ABSOLUTION
esito del laboratorio di II livello

condotto da Ilaria Gerbella e Lucia Manghi

con

Valentina Cucci Patrizia Dall’Argine Cristiano Fornasari

Francesca Ghitti Mariachiara Laghi Elisa Longeri

Maria Teresa Lonetti Fabio Martelli Ilenia Moreni

Sabrina Moretti Federico Murero Arianna Patti

Boris Pesci Enrica Pizzarotti Fabio Romito

Patrizia Tiberti Cosimo Urso Valentina Zambonini

Venerdì 15 e sabato 16 aprile alle ore 21.15 al Teatro Europa andrà in scena “L’Absolution”, spettacolo esito del laboratorio di II livello condotto da Ilaria Gerbella e Lucia Manghi, adattamento della controversa piêce “Il Balcone” di Jean Genet.

Sono cose che devono restare e restano segrete, così recita uno dei personaggi de Il Balcone: è dentro al Bordello che ogni gesto, ogni parola, ogni rito è sempre sottoposto alla regola della segretezza, nella certezza che ogni contatto con l’esterno possa rompere i fragilissimi equilibri tra i personaggi che lo abitano.

Irma la padrona del bordello, la padrona del gioco predestinata a diventare regina a incarnare il potere e l’ordine. Il Capo della Polizia ossessionato dal potere e dal rendere la sua immagine immortale. Chantal la prostituta fuggita dal bordello di Irma, dal gioco, per amore di Ruggero, per l’amore della rivoluzione, e che al di fuori di questo luogo compirà il suo destino incarnandosi in simbolo della rivoluzione, e per questo morirà.Carmen intrappolata più di tutte le altre prostitute al gioco, perché legata a Irma da un rapporto conflittuale di attrazione e repulsione, lo stesso rapporto che la lega al bordello.
I clienti di questa casa di illusioni incarnano le figure più potenti del potere costituito: il Vescovo, il Generale, il Giudice: accompagnati nel loro delirio di potenza dalle prostitute e dalla figura di Arturo, il carnefice innamorato della sua Padrona Irma; insieme assecondano i desideri dei loro clienti, i quali espletano proprio dentro al bordello le loro funzioni, diventando simboli immortali; è in questo che si vuole consacrare il Capo della Polizia, trasformandosi in simulacro, in fantoccio riconosciuto dalla società.

E da un estero non ben precisato irrompe l’Inviato, il deus ex machina di questo mondo alterato che porta i personaggi a compiere il proprio destino.

E poi i fotografi, figure contemporanee che scrutano e riproducono come un gioco di specchi il destino dei personaggi, e infine un personaggio che non appartiene al modo di Genet, ma che è sempre presente, costantemente assorto in ciò che accade in scena: l’Oracolo, che come tutti gli oracoli è fonte dispensatrice di profezie e consigli.

È sottilissima la linea di demarcazione tra potere e follia, nell’incertezza se sia il potere che rende folli o sia la follia che porta al potere.

Ingresso unico 5 €, per informazioni e prenotazioni: tel. 0521.243377, mail info@europateatri.it.

“Isole” mercoledì 13 aprile ore 21.15

By , April 11, 2011 5:29 pm

eUROPA tEATRI

ISOLE


prova aperta del laboratorio trimestrale
condotto da Ilaria Gerbella e Alessandro Silva

les amants - magritte

les amants - magritte


con


Davide Arcella Alessandro Bianchi Cecilia Bonvini Valentina Gatti

Letizia Lopresti Roberta Minzera Federica Pellesi Fabrizio Pesci

Giuseppe Romano Paolo Rossello Fabiola Signorini Daniela Zanotti

Un appuntamento un po’ speciale, quella prima volta in scena che può essere così emozionante, aspetta il pubblico del Teatro Europa e gli allievi del laboratorio trimestrale, mercoledì 13 aprile alle ore 21.15: Isole la prova aperta che conclude il loro primo approccio alla pratica teatrale. Dice Ilaria Gerbella, che ha condotto il laboratorio insieme ad Alessandro Silva: “Il percorso che abbiamo intrapreso in questi tre mesi ha portato all’esito di questa prova aperta, abbiamo deciso di chiamarla così perché non ha le caratteristiche di un vero e proprio spettacolo, ma la sua struttura si caratterizza nella drammatizzazione di esercizi teatrali che gli allievi hanno sperimentato nel corso di questo breve laboratorio. Il filo conduttore di questo lavoro è la solitudine, tema prevalente ed essenziale, che ha trovato il suo principio nella scelta degli stessi allievi, attraverso uno sguardo rivolto alle opere d’arte di artisti come – per citarne solo alcuni – Mirò, Magritte e Degas”.

L’ingresso alla prova aperta è libero, per informazioni: Teatro Europa tel e fax: 0521.243377, mail info@europateatri.it.

“Cretini (a cena)” venerdì 8 e sabato 9 aprile ore 21.15

By , April 5, 2011 11:15 am

eUROPA tEATRI

venerdì 8 e sabato 9 aprile ore 21.15

CRETINI

(a cena)

esito del laboratorio teatrale di secondo livello

a cura di Chiara Rubes e Franca Tragni

con

Andrea Baruffaldi  Anna Biazzi  Cristina Bricoli  Adele Bottioni

Daniela Campanini   Magherita Caruso  Maria Cristina Cavazzini  Germana Celentano

Aldo Cero  Patrizia Dall’Argine  Francesca Foti  Lucia Furlattini  Michele Gianferrari

Isabella Grassi  Alessandra Immordino   Alessandra Lanubile

Michele Arcangelo Natale  Pierpaolo Porta  Tiziano Reverberi  Fabio Romito

Antonio Sebastianelli  Elisa Tamburini  Salvatore Troise  Cosimo Urso  Laura Vecchi

Proseguono al Teatro Europa le messe in scena nate dai laboratori di pratica teatrale: venerdì 8 e sabato 9 aprile alle 21.15 è la volta di Cretini (a cena), esito del laboratorio di II livello condotto da Chiara Rubes e Franca Tragni.

Un numerosissimo gruppo di attori in scena, di loro dice Chiara Rubes: “Sono diventati un armata, un battaglione degno di Brancaleone, una camerata di Gianburrasca, un esercito di mascalzoni dal cuore buono. Sono tanti: tutti motivati, tutti con l’urgenza di esprimersi, molti accesi dalla passione e dal talento. Guidarli e contenerli ormai è tutt’uno, innamorarsene e rimproverarli la stessa cosa. Con loro l’obiettivo dev’essere sempre più difficile, altrimenti si siedono, si addormentano. Dopo anni che se ne stanno accanto a noi a rubare regole e segreti teatrali devono rischiare del proprio”.

Ed ecco allora la prova di quest’anno: cimentarsi con la figura del cretino, personaggio di tanta letteratura francese e non solo, e protagonista del film La cena dei cretini di Francis Veber, divenuto un cult in pochi anni. Agli allievi più esperti e alle nuove e intraprendenti reclute è stato chiesto di creare personaggi, di scrivere testi, di cimentarsi coi tempi comici, con le battute e le situazioni che portano al divertimento, a un analisi dell’umano grottesca e nello stesso tempo credibile e veritiera.

Unico vincolo: i cretini devono essere a cena. Dunque molte cene si susseguono in questo esito, situazioni varie dove il cretino o la cretina di turno danno espressione alla loro natura, che è, come allievi e conduttrici hanno scoperto, pedante, ripetitiva e un po’ maniacale; una figura che legge le parole altrui in chiave tutta personale, e spesso rimandata ad un chiodo fisso che crea fraintendimenti e complica in maniera assurda la situazione.

Di sicuro poi il vero cretino ,simpatico e tenero, ma anche un po’ pesante, non sa di esserlo.

Il lavoro alterna coralità e individualità ed è in stile grottesco: personaggi sottolineati, a volte caricati, ritmi frenetici , scene oniriche e verità umane.

Ingresso unico 5 €, per informazioni e prenotazioni: Teatro Europa tel e fax 0521.243377, mail info@europateatri.it.

Panorama Theme by Themocracy