By , March 27, 2017 9:30 am

eUROPA tEATRI

sabato 1 aprile 2017 ore 21.15

Teatro Telaio

Following Iago

Una rilettura contemporanea dell’Otello di Shakespeare

iago-modifica

con Alessandro Mor

partecipazione in video Michele D’Aquila, Massimo Politi, Abderrahim El Hadiri Uta Kargel

drammaturgia Silvia Mazzini, Angelo Facchetti da W. Shakespeare

scene e video Giuseppe Luzzi

scenotecnica Mauro Faccioli

regia Angelo Facchetti

Protagonista, Iago, che prende la parola per raccontare la sua versione dei fatti, cioè il punto di vista del persecutore, della mente spietata che muove chi gli sta intorno come se fosse il suo branco.

È lui il sibillino tessitore di false voci e dicerie abilmente architettate, che fa cadere ad uno ad uno i suoi avversari, che conquista la fiducia di Otello allo scopo di farlo precipitare dall’alto del suo successo, che sacrifica l’innocente Desdemona, colpevole di avergli preferito i suoi avversari.

Il centro attorno a cui ruota il suo universo di senso, quasi come una falena attirata dal fuoco, è l’onore, o, detto in termini contemporanei, l’immagine: qualcosa che non si può rubare per sé, ma togliendola al proprio avversario lo si annichilisce. In questo sta la sua universalità: anche oggi possiamo immedesimarci in Iago e comprendere il suo desiderio di rivalsa, ma sta a noi e alla nostra volontà decidere se agire per distruggere o per costruire.

In scena un attore e le sue proiezioni mentali, il suo delirio solipsistico e le trame del suo piano che si materializzano come una partita a scacchi sugli schermi che sono scenografia ma allo stesso tempo fisica proiezione interiore di beckettiana memoria e metafora del prolungamento “virtuale” vissuto dagli adolescenti di oggi in un ambiente in cui si spia e si è spiati, si segue il branco in maniera passiva e inconsapevole, senza interrogarsi su chi sia e cosa provi realmente la vittima. La funzione della luce non è quella di illuminare, ma di confondere, la musica, pervasiva, si sovrappone alle parole, e incatena gli spettatori con le sue vibrazioni.

INFO e PRENOTAZIONI

0521.243377 – europateatri.pr@gmail.com

www.facebook.com/europateatri

By , March 20, 2017 10:45 am

eUROPA tEATRI

domenica 26 marzo 2017 ore 16.30

I CIGNI SELVATICI

cigni-430-modifica

liberamente ispirato alla favola Hans Christian Andersen

ideazione e regia Ilaria Gerbella

testo Ilaria Gerbella

con Chiara Rubes

luci Lucia Manghi

 

Cosa di più magico c’è se non aprire un libro e vivere le avventure dei personaggi, essere trasportati nel vento della tempesta in un mare in burrasca, percorrere silenziosamente la strada del cimitero senza che le streghe si accorgano di te, e infine riuscire con il tuo sacrificio a salvare chi ami infrangendo il perfido incantesimo?

È da qui che lo spettacolo I Cigni Selvatici inizia: una narratrice, e un libro che evoca e fa scaturire dalle sue pagine i protagonisti della fiaba, ed è grazie all’interazione tra i personaggi fantastici e la narratrice che essa lentamente si calerà e vivrà quello che la protagonista della fiaba vive: questa è la magia della lettura. La fiaba I cigni selvatici fu scritta da Andersen nel 1838 e differentemente dalle altre sue fiabe fu una rielaborazione di una fiaba popolare: I sei cigni riproposta dai Fratelli Grimm. Ugualmente alle altre fiabe di Andersen essa presenta i temi ricorrenti dello scrittore: l’auto-sacrificio, la metamorfosi, il patto di vita o di morte, l’impossibilità di essere compreso dall’amato, il dolore innocente.

Un grande libro dalla copertina d’oro da sfogliare nella narrazione animata, con pupazzi ed ombre e un’interprete narratrice, Chiara Rubes, che guida i piccoli spettatori all’ascolto di una favola dalle molte sorprese, tra magie e incantesimi: I cigni selvatici […] inizia con un divertito dialogo tra un buffo folletto e l’attrice in scena che, nel meravigliarsi per quanto sta accadendo, crea immediata complicità con il pubblico dei bambini […]. Un intreccio complesso ma dal ritmo rasserenante proprio della fiaba […]. Belle le apparizioni dei cigni, ombre sui candidi teli che definiscono la scena, e di grande efficacia, spiritosi e costruiti con sapienza e divertimento, i molti pupazzi, come i rospi di diversa dimensione, ma anche quei personaggi fuggiti da altre favole, come la regina del ghiaccio o il pisello parlante della principessa dal sonno lieve… Cadono dall’alto petali rossi di papaveri, su un’amaca altalena il viaggio di Elisa sulle ali dei fratelli, in sogno l’apparizione di Morgana, la fata solidale con i fratelli così perseguitati dalla cattiva matrigna. Con lieto fine, naturalmente!

(Gazzetta di Parma)

 

 

Durata 60 minuti

Spettacolo adatto a bambini dai 5 ai 10 anni

Info: Europa Teatri via Oradour, 14 – 43123 Parma – tel. 0521.243377

europateatri.pr@gmail.com www.facebook.com/europateatri

By , March 18, 2017 12:10 am

eUROPA tEATRI

COMUNICA

Lo spettacolo previsto per sabato 18 marzo alle ore 21.15 dal titolo

GUERRIERA

è stato RIMANDATO a data da stabilire

 

By , March 10, 2017 10:21 am

eUROPA tEATRI – RATAFIA’ TEATROBAR

domenica 19 marzo 2017 ore 21.00

presso Rtafià Teatrobar

LA MAGIA DEL TEATRO E DELLA VITA…

UN PIANO INFINITO

Piano Infinito 1

Serate di letture e scene dal libro di Isabelle Allende Il piano infinito

musica e divinazione coi simboli dei tarocchi

In scena Daniela Bragoli| Cristina Cavazzini| Paolo Ceriati| Cristiano Fornasari| Vittoria Laudato| Beatrice Marconi

Musica Marco Pipitone

Lettura dei tarocchi Antonella Azzali

Progetto a cura di Chiara Rubes

Sponsorizzato da Fare Bis Fare

Ultimo dei tre appuntamenti pensati all’insegna del racconto di una vita, dei suoi intrecci con altre vite, del suo valore e della sua ricchezza, con intermezzi giocosi e magici allietati e trasmessi anche dalla musica. Serate diverse per guardare e conoscere il diverso e uguale nelle vite di ognuno di noi, di ogni umano che si barcameni nella danza dell’esistenza tra gioia e dolori. Il messaggio? Come recita Allende: “il mondo è un luogo […] dove tutto è possibile, dove ogni cosa dalla più sublime alla più orrenda ha la propria ragione d’essere, nulla accade per caso nulla è inutile” perchè esiste un piano infinito…

PER INFO: europateatri.pr@gmail.com – 0521243377 – www.europateatri.it

www.facebook.com/europateatri

 

By , March 1, 2017 11:16 am

eUROPA tEATRI

mercoledì 8 marzo 2017 ore 21.15

giovedi 9 marzo 20017 ore 21.15

SENZA TACCHI

da un’idea di Chiara Rubes
testo di
Rossella Canadè
con
Chiara Rubes e Franca Tragni

luci Lucia Manghi

Senza Tacchi è uno spettacolo in cui le donne si guardano dentro, pronte ad ammettere debolezze e imperfezioni così come a ribadire i propri punti di forza. E a raccontare le proprie storie, viste con l’occhio disincantato di chi ormai le ha sentite tutte, ma anche con lo stupore e la caparbietà che hanno le bambine nel credere ai proprio sogni. A meno che non ci sia qualcuno che ricorda da vicino il lupo delle favole pronto a mangiarle. E le scarpe, spesso additate come primo simbolo di una certa vanità femminile, prendono il posto, durante lo spettacolo, degli oggetti quotidiani, vengono utilizzate come telefoni o bicchieri, per sdrammatizzare una certa sacralità fashion che a volte pare circondarle.

In Senza Tacchi le scene più divertenti si alternano a quelle più commoventi, sottolineate dall’originale interpretazione delle protagoniste, che sembrano voler giocare con alcuni cliché femminili (la madre, la moglie tradita, l’amica un po’ svitata), cui vogliono fornire nuove e più attuali chiavi di lettura.Sono storie che partono dal quotidiano, dalle commissioni per la famiglia e dagli appuntamenti catastrofici che almeno una volta nella vita tutte abbiamo avuto, che passano per i racconti di vite che sembrano uscite da un libro o che in un libro sono nate davvero, e che sforano infine nella cronaca, dove spesso una donna vittima è solo un’unità in più da aggiungere ad un totale già miserabilmente alto: viene narrata in scena la storia di Liana An Nuni, uccisa con otto coltellate dal marito, a Luzzara, nel 2008. Movente: una micidiale gelosia.

Chi meglio di due amiche, due attrici, due donne diverse come Chiara Rubes e Franca Tragni di Europa Teatri, per raccontare le amicizie, gli amori, gli umori di una “comunità”, quella femminile, ancora in lotta per l’affermazione della propria identità. […] le due attrici hanno celebrato l’universo femminile nelle sue pieghe più intime e comiche, paradossali ed amare, partendo proprio da una debolezza-passione pressoché universale fra il sesso femminile: le scarpe. Sono voci diverse ed uguali quelle portate in scena e lanciate al pubblico con leggera, spigliata ironia: storie di donne ipocondriache, sole, legate a uomini fedifraghi e inconsapevoli, lettori di best sellers, troppo vuoti ed egocentrici per accorgersi della donna che accanto a loro li aiuta ad andare avanti.

PER INFO e PRENOTAZIONI

europateatri.pr@gmail.com – 0521243377 – www.facebook.com/europateatri

Panorama Theme by Themocracy