Vivere spettinata

By , June 14, 2012 2:30 pm

a cura di
Franca Tragni
di e con
Virginia Canali Alessandra Cinque Giuliana Costanzo
Annalisa Dall’Asta Fernanda Esposito Elisa Longeri Franca Tragni

luci
Lucia Manghi

Lo spettacolo nasce dal laboratorio Genere e Disabilità promosso dalla Provincia di Parma e condotto da Franca Tragni nel 2011, e ha da allora replicato circa 10 volte, ad esempio in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, sia per il pubblico adulto che per quello degli istituti superiori del territorio parmense, per offrire la possibilità di assistere a una rappresentazione in cui si riflette su cosa significa essere, in questo preciso momento storico, sociale e culturale, essere donna e disabile, e cioè in una condizione doppiamente difficile da affrontare. Si riflette, però, senza ricorrere a facili pietismi o al tono drammatico a tutti i costi, ma utilizzando le potenti armi del comico, dell’ironia e dell’autoironia, che più di ogni altra cosa sono in grado di smontare pregiudizi e luoghi comuni.
In scena insieme a Franca Tragni, Virginia Canali, Alessandra Cinque, Giuliana Costanzo, Annalisa Dall’Asta, Fernanda Esposito ed Elisa Longeri parleranno di amore, indipendendenza, sessualità, paure e desideri: la necessità di affrontare questi argomenti con le proprie parole e il proprio corpo in scena è scaturita dalle stesse partecipanti allo spettacolo, che si snoda in un’atmosfera che alterna il registro delle confidenze e dei pettegolezzi fra amiche, anche con un po’ di liberatoria malignità, a momenti di riflessione più lirica e profonda.

Il bellissimo, intenso, commovente e divertente spettacolo […] è la riflessione schietta, a tratti pungente e spiazzante, di un gruppo di donne (alcune disabili e altre “normodotate”) che si confronta con la realtà. Così, da un muro fatto di immagini patinate di giornale, dalle quali ammiccano volti di attrici e modelle “perfette” escono le sette interpreti ognuna con una spazzola in mano (metafora dell’essere “ordinata e pettinata”) e ognuna pronta a raccontare una verità, a spettinarsi in pubblico, a cantare coraggiosamente la propria individualità.

(dalla recensione di Cristina Pedretti per Gazzetta di Parma)

foto gallery

One Response to “Vivere spettinata”

  1. laila says:

    sono appena tornata dall’aver assistito a questo spettacolo.
    Vorrei complimentarmi con tutta la compagnia, ma soprattutto con Franca Tragni che ancora una volta mi è apparsa come un’attrice, ma soprattutto una donna di grandissima sensibilità ed empatia. Sono una persona disabile è l’emozione che ho vissuto oggi è stata forte. Posso dire che in tanti anni di vita nella condizione di “inferiorità” per la prima volta ho potuto condividire e approvare gli argomenti e l’approccio ad essi che la compagnia ha realizzato e reso vivi.
    Grazie a tutte.

Leave a Reply

Panorama Theme by Themocracy